FAQ - Domande Frequenti sulla Scuola di Tecnologia e Creatività Codemotion Kids!

Date i compiti a casa?

L'assegnazione di compiti a casa così come viene fatto a scuola non rientra nel nostro modello educativo. Preferiamo sviluppare l'interesse e la voglia del singolo ad approfondire secondo le sue passioni e/o rifare a casa quanto fatto nei nostri laboratori; senza nessun obbligo.

Di solito diamo indicazioni di approfondimenti da fare, liberamente; spesso chiediamo su base volontaria di portare del materiale, o di fare una ricerca di un personaggio o di un robot e parlarne durante i laboratori.

Perché non insegnate strumenti di office automation quali Excel?

Innanzitutto, gli strumenti di office automation solo delle applicazioni e non delle tecnologie. L'obiettivo dei nostri laboratori è sviluppare la creatività attraverso l'uso delle tecnologie, che non sono un fine (imparare il tal linguaggio, od un certo dispositivo), ma un mezzo per apprendere il mondo che ci circonda, per esprimere se stessi costruendo e creando prototipi e dando vita alle idee per mezzo di tecnologie quali robotica, elettronica, design, programmazione.

Perché vi chiamate coach e non docenti?

Il nostro modello educativo non si basa su lezioni frontali, dove i partecipanti devono ascoltare l'insegnante che spiega. Non crediamo che la conoscenza possa essere trasferita, né che l'educazione sia riempire un secchio. Crediamo invece che ognuno apprende nel suo proprio modo e che ognuno si costruisce la propria competenza dentro di sé e da sé.

Il nostro ruolo è quindi quello di “allenatori” e “facilitatori”, mettendo i partecipanti nelle condizioni di sviluppare conoscenze e competenze in modo laboratoriale, sperimentando ed esplorando, apprendendo ad auto-apprendere. Li alleniamo a guardare le tecnologie come strumenti da esplorare, di cui non aver paura. Li alleniamo a convivere con l'errore, senza che questo sia considerato un fallimento, ma un passo verso la conoscenza. Facilitiamo l'uso creativo delle tecnologie in modo che siano viste come strumento di costruzione di idee.

Perché a volte i ragazzi lavorano a coppie su un solo PC?

Lo sviluppo dello spirito collaborativo è tra i nostri obiettivi educativi principali. Dedichiamo per questo parte delle attività a progetti ed esplorazioni da fare a coppie o anche a gruppi. In questo modo tendiamo a sviluppare il loro livello di negoziazione e relazione con gli altri. È nostra regola allenarli a lavorare insieme, a non monopolizzare il PC, facendoli scambiare di ruolo. In particolare nelle attività di Robotica tendiamo a farli lavorare a coppie affinché comprendano che assieme è più facile risolvere problemi complessi; inoltre apprendono anche che esistono ruoli diversi (chi costruisce/monta, chi programma, chi documenta, ecc..), imparano a giocare in ruoli diversi ed a auto-assegnarsi quello che più preferiscono

Mio figlio ha sette anni perché non può partecipare ai vostri Laboratori Annuali?

Abbiamo strutturato i nostri Laboratori Annuali su tre fasce di età:

Novità: I più piccoli però potranno partecipara ai nostri Sabato Tech dedicati alla fascia Asteroide: 6-7 anni / biennio iniziale Scuola primaria

Per quanto riguarda i Laboratori Annuali, abbiamo deciso di partire dagli otto anni per una scelta che deriva dal tipo di attività educative e dagli educatori che mettiamo in campo. È un'età dove mediamente si è pronti per approcciare il livello di complessità dei nostri laboratori. Ci siamo dati questa regola anche per evitare incomprensioni e malumori che nascerebbero in caso diverso, per evitare che si arrivi ad un costante abbassamento dell'età con bambini di sei anni se non cinque assieme a quelli di dieci. Non intendiamo con questo dire che non sia possibile questa eterogeneità, ma soltanto che non si adatta ai nostri laboratori.

Consegnate dispense dei corsi?

Non esistono dispense ufficiali dei corsi in prima battuta perché i nostri sono laboratori dove si sperimenta, si esplora e si crea con la tecnologia, e quindi le attività sono in continuo divenire e non prefissate. Rispetto che dare delle dispense preferiamo sviluppare la capacità del singolo di farsi le proprie, allenando i ragazzi a prendere i loro appunti. Li alleniamo all'auto-apprendimento segnalando anche sulla comunità online, tutorial da vedere, video e contenuti disponibili sul web.

Spesso produciamo anche nostri contenuti (video, documenti ed altro) che condividiamo con i partecipanti durante i laboratori e che carichiamo nella community online privata del singolo laboratorio.

Perché non avete un piano di attività dettagliato delle singole lezioni?

Le nostre attività sono di tipo laboratoriale e non seguono il classico modello scolastico in cui le lezioni sono standardizzate e fisse. I nostri sono laboratori dove si sperimenta, si esplora e si crea con la tecnologia, e quindi le attività sono in continuo divenire e non prefissate, non necessariamente lineari, spesso adeguate all'andamento del team, o all'attualità o a fattori imprevisti.

Abbiamo un piano generale che riguarda gli obiettivi educativi e gli strumenti tecnologici, sul quale poi progettiamo le singole lezione, spesso di volta in volta. Nei laboratori si esplorano e si sperimentano varie tecnologie nei settori della Robotica, Elettronica, Coding e Design, con le quali creare e trasformare idee in progetti reali. Grazie all'approccio basato sui progetti e sulla creatività, si familiarizza con i concetti base della programmazione e del pensiero computazionale (es sequenza, condizioni, interazioni, ecc); si sviluppano abilità relative al movimento ed allo spazio; si familiarizza con interazione uomo-macchina e via di seguito. Su questi obiettivi e sull'andamento del singolo laboratorio e dei singoli partecipanti si progettano le attività nelle lezioni successive.

Questo approccio, oltre che garantire un migliore coinvolgimento dei ragazzi, permette anche una maggiore capacità di lavorare sul singolo partecipante, lasciandogli la libertà di proseguire nel processo di apprendimento secondo i suoi interessi e tempistiche.

Possiamo quindi dire che il piano di attività delle singole lezioni sarà disponibile alle fine delle lezioni.

Perché fate fare attività manuali nei vostri corsi?

"La mano è la finestra della mente" - disse il filosofo Immanuel Kant. Attraverso l'uso delle mani noi (e quindi i nostri partecipanti) diamo vita alle idee, ma soprattutto elaboriamo concetti ed apprendiamo in modo diretto, seguendo i principi del modello costruzionista a cui ci rifacciamo. Le abilità manuali non sono importanti per un futuro lavoro, ma perché ci permettono di apprendere meglio il mondo che ci circonda, ci aiutano a sviluppare la creatività, ed a concepire e realizzare prototipi tecnologici. Nella nostra esperienza abbiamo certificato che chi è dotato di abilità manuali ha una maggiore creatività ed una maggiore capacità di problem solving rispetto a coloro poco abili manualmente.

Per questa ragione alleniamo i partecipanti a lavorare con le mani, ad utilizzare strumenti e materiali, a costruire, tagliare, legare, incollare, a sviluppare capacità di montaggio, a sviluppare una sensibilità anche tattile sui diversi materiali.

Montare un kit robotico, assemblare componenti elettronici, creare oggetti, o personaggi con il cartone, utilizzare il nastro rame e la colla a caldo, utilizzare materiali di scarto in modo creativo, sono tutte attività che integrano l'uso contemporaneo di “testa-e-mani”, e permettono ai più giovani di concepire meglio il mondo che li circonda e di sviluppare curiosità ed una mentalità creativa.